Pazienza e relazioni a distanza.

Non sono una persona paziente.
So essere paziente ma non sempre voglio esserlo.

Ho scoperto che la pazienza è la virtù di chi ha una relazione a distanza.

Immaginate, anzi, solo chi ha una relazione a distanza può immaginare di quante pazienza si necessità vivendo una storia che non potete vivere quotidianamente.
Questa però è una bugia, ho imparato che due persone si possono vivere anche non vedendosi tutti i giorni, ci si vive in maniera diversa, forse anche più intensa.

Relazioni a distanza ed attesa, un binomio che forse funziona tanto.

Un filosofo diceva “l’attesa del piacere è essa stessa piacere, avrà avuto una storia a distanza per concepire questo concetto? Secondo me si.
Mentre scrivo questo post io sono in attesa, tra circa 28 ore e per un solo week end posso finalmente passare del tempo col mio fidanzato.
Per qualcuno è poco, per altri è impensabile ma io posso dire che noi possiamo riscoprirci piano piano.
Quando entri in un bel museo, magari un museo che non vedi da un poco o che non hai mai visto non entri subito in tutte le stanze.
Vuoi/puoi entrare in una stanza alla volta, ammirare ogni cm a pieno, goderti di ogni sfumatura.
Per me una relazione a distanza è questo, un museo da scoprire stanza per stanza, momento per momento.

relazione a distanza
Mentre scrivo questo post mi rendo conto che oggi è una giornata si, mi sento felice, positiva e carica.
Mi rendo conto che questo è un periodo transitorio, che se due persone si cercano, si vogliono, non c’è nessun tipo di avversità che li può abbattere.
La volontà è un grande motore, può muovere qualsiasi cosa ed io l’ho sempre sostenuto.

Senza volontà non può esserci una relazione a distanza, nemmeno senza fiducia, caparbietà e sicuramente Ryanair per me è il mio migliore amico ormai.

Oggi mi sento paziente, ieri lo ero di meno, domani sarò impaziente.
Non è bipolarismo, sono emozioni che riesci a provare quando qualcosa la ri-vuoi veramente.

Rita.

8 Comments
  • LaDama Bianca
    agosto 31, 2017

    Io ho avuto una relazione a distanza per 8 anni per cui credo di capire ciò che scrivi. Certo la nostra situazione era diversa perché a dividerci erano poco più di 100 km, assai meno che per voi due.
    E’ vero che ci vogliono una pazienza ed una caparbietà infiniti ma è altrettanto vero che ci si può riuscire. Un grande in bocca al lupo.

    • ritaconlavaligia
      agosto 31, 2017

      Ciao! Mi fa piacere leggere questo tuo commento, perchè tu mi segui (ed anche io te) anche su cdm e mi riempie il cuore ritrovarti qui! Ti ringrazio per le tue parole, mi commuovono! Grazie grazie grazie e crepi!

  • Silvia B.
    settembre 1, 2017

    Ho una relazione a distanza, io italiana (veneta), lui olandese.

    • ritaconlavaligia
      settembre 1, 2017

      Ti va di raccontarmi qualcosina in più?

      • Silvia B.
        settembre 1, 2017

        Mi hai ispirato un articolo di blog, che ho scritto di getto, in cui racconto di questa relazione 😉 se ti va leggilo!

        • ritaconlavaligia
          settembre 1, 2017

          Dopo vado e ti leggo. Dove mi hai trovato? È curiosità la mia ☺️

        • ritaconlavaligia
          settembre 1, 2017

          Silvia purtroppo non trovo l’articolo, dal tuo profilo mi da un blog che non pubblica articoli da un poco.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *