Un tatuaggio (o più) non ti rende una brutta persona.

Oggi mordo, ma di brutto.
Stamattina mi sono svegliata con tutte le buone intenzioni, ho fatto la mia colazione ed ho deciso che oggi sarebbe stata una giornata positiva e produttiva.
Poi ho aperto il feed di Facebook ed eccola li la mia rabbia, una caterva di gente che commenta in malo modo i tatuaggi di Fedez a contatto con la pelle del figliolo Leone nato da poco.

Ed il mio cervello ha fatto BOOOOOM.
Prima di tutto ci tengo a dire che non sono una fan della musica di Fedez, ascolto altro, ma lo seguo su ig perchè lo reputo molto simpatico e lui e la Ferragni secondo me sono molto carini.

Ma visualizziamo una diapositiva che ha pubblicato la pagina FB  Vita da tatuatori.

 

Ah si, sara igienico? Certo, avere un tatuaggio, dieci, centro ti rende immediatamente portatore di peste bubbonica.
Sapete, noi tatuati, non essendo igienici, abbiamo nei mezzi pubblici zone apposite per stare con i nostri simili.
Ma ce la fate?

Sono arrabbiata e mi arrabbio sempre quando vedo queste cose, non accetto che nel 2018 ci possa ancora essere discriminazione per i tatuaggi.
Un persona con un tatuaggio non è automaticamente una cattiva persona, non per forza fa tutte le cose cattive che credono le bigotte e di certo non è necessariamente una bestia di satana.
Io ho dei tatuaggi, mi reputo una persona buona, forse troppo a detta di chi mi conosce bene eppure devo sentirmi dire costantemente delle frasi, battutine che mi fanno impazzire.

Qualche esempio?

  • saresti molto più bella senza tatuaggi;
  • ti sei voluta rovinare per forza con i tatuaggi;
  • ah si, e quando sarai vecchia? Sarai brutta.
  • sei esagerata.
  • non potrai mai trovare un posto di lavoro di prestigio, ma lo sai che non ti assumono vero sei hai i tatuaggi?
  • e se poi ti scocci??
  • e quando diventerai mamma? Cosa dirai ai tuoi figli?
  • staresti molto meglio senza i tatuaggi.
  • perchè l’hai fatto?

E potrei continuare all’infinito perchè la gente, quando vede un tatuaggio si sente in dover di dire sempre quello che pensa. Anche quando nessuno ha veramente chiesto il loro parere.
Ma non è solo per Fedez che ho letto queste baggianate, anche per la Hunziker a Sanremo.
Gente che continuava a dire che doveva eliminare quel tatuaggio, quantomeno farselo coprire da un make up artist.
Ma davvero fate?

Vorrei invitare alla riflessione voi non tatuati, pensate prima di parlare?
Come vi sentireste se qualcuno si rivolgesse a voi facendo questo tipo di commenti? Parlate tanto di amore, accettazione del prossimo, di come sia bella la diversità ma non fate altro che giudicare gli altri.
A me non piacciono le lentine colorate, mai mi sognerei di andare da una persona e dirle “staresti meglio senza” perchè se quella persona le indossa vuol dire che gradisce le lenti e damn, va bene così.
Non bisogna mai giudicare gli altri in base a quello che amano, in base ai gusti, e di sicuro la professionalità ed il carattere di qualcuno non si basano su essi.

Voglio raccontarvi un aneddoto, questo risale a tanti anni fa ma lo racconto quando devo far riflettere.
Molti anni fa, una ragazzina andò da mia sorella a dirle che secondo lei io usavo droghe. Chi mi conosce sa che mai ho usato droghe e mai lo farò perchè sono contraria nella maniera più assoluta e lo sono sempre stata.
Su cosa basava questa sua tesi? Sul mio modo di vestire, per lei chi indossava abiti neri, borchie etc.. un outfit dark gothic doveva necessariamente drogarsi.
Io sono stata fortunata, le persone nel mio paese mi conoscevano e sapevano che mai avrei fatto una cosa del genere ma se la voce fosse girata io potevo essere bullizzata e potevo veramente passare dei brutti momenti.
Quel fatto mi toccò molto, mi fece capire che la gente era cattiva e che non dovevo preoccuparmi dell’opinione degli altri.
Questa ragazza? Poi è venuta anche lei al liceo ed indovinate un poco? Ha iniziato ad ascoltare musica rock ed indovinate 2? Mi ha approcciato, voleva essere mia amica.
Sorry baby, ma anche no.

Questo vi fa capire che non potete mai e poi mai basarvi sulle apparenze e che i vostri sproloqui senza senso possono ferire gli altri.
Abbiamo lo strumento del web che vi permette di informarvi, usatelo in modo giusto e prima di dire cose che possono ferire pensate attentamente.

Che poi, riflettere fa bene a prescindere..

 

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *